30 Ott

Shapes 'O' the Times

DVD.it ha già cominciato a commercializzare i film nel nuovo formato Blue-Ray.

Giusto sabato mattina, mentre ero dal mio edicolante di fiducia, mi è stato chiesto “quanto sarebbero durati i DVD” e se era vero che il nuovo formato sarebbe stato più piccolo, tipo i dischetti che si vedono nell serie di fantascienza e mi sono goduto la reazione sconolata al mio “no saranno tali e quali ai DVD”

Mi fanno morire due cose:

1. il fatto che innovazione tecnlogica sia oramai associato a “più piccolo”

2. la difficoltà per le masse di associare funzioni differenti ad un’oggetto che rimane (all’occhio) sempre uguale.

Non mi soffermo sul punto 1. , che non c’ho voglia ed è una banalata, e passo al punto 2.

C’è moltissima gente (di solito donne, ma solo per la genetica idiosincrasia tecnologica) che rimane perplessa (ovvero si perplime) di fronte al fatto che un CD e un DVD sono assolutamente (quasi) identici.

Cioè un po’ c’è da capirli eh… l’evoluzione tecnologica ci ha abituati ai cambi di forma, o quantomeno di colore. Nel campo film vedansi le diverse videocassette di una volta (VHS, Video 2000, Betamax) fino all’odierno DVD e nel campo informatco i floppy “molli”, quelli “duri”, CD , DVD, e diversi apparati USB (denominati solitamente “chiavette”)

E fin qui tutto bene. Il problema si conmplica quado esiste una associazione 1 a 1.

Tipo : CD = Muisca, DVD = FILM

Ora, il fatto che un CD possa contenere anche un file, e che questo file possa essere sia un Audio ascoltabile da un normale stereo, un film DivX visionabile da un lettore “da casa” apposito o un elenco di file MP3 ascoltabile sia dal pc che da un apposito stereo/autoradio manda in confusione i più.
E che gli stessi file possano essere pure inseriti in un DVD (percepito come qualcosa di “diverso”) scoraggia molti.

Lungi da me ora impegolarmi in un ginepraio non solo teconlogico ma anche semifilosofico sulla differenza tra contenuto e contenitore…. ecco diciamo che la cosa mi fa sorridere e chi non ‘ha ancora capito sono solo cazzi suoi, tanto riuscirà a vivere benissimo lo stesso 😛

P.S.
Ah, giusto per … Blu Ray e HD-DVD sono due nuovi formati nati essenzialmente per avere più capacità in GigaByte e quindi contenere anche i film della nuova frontiera (a chi interessa): quelli in HD, High Definition. E per rendere finalmente (forse) giustificato l’acquisto di uno di quegli odiosi e inutili televisori Flat che tanto piacciono alle masse.
La cosa divertente è che due consorzi che fanno capo a diverse schiere di aziende prodruttrici non si sono messe d’accordo sul nuovo formato e quindi ne avremo due… come dicono loro “il mercato deciderà”…
Questo non vuol dire che i DVD sono morti, ma che lo saranno in … mah… mi sa un 3 anni o giù di lì.

Auguri 🙂

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Warfox scrive:

Diciamo che BlueRay e HDDVD nascono per un solo motivo. Blindare tutta la catena di fruizione dei contenuti per non permetterne la copia. Tant’è che se non hai il connettore HDMI (cifrato) non vedi il FULL HD nemmeno se hai il Flat da 6000 euri. E poi fancuore i flat… 😛

Icelord scrive:

Stanno uscendo cmq i primi lettori compatibili con entrambi gli standard, già questo un po’ mitiga i rpoblemi lato utente.

->Valpurgius<- scrive:

mi permetto di aggiungere qualcosa di +, caro WikiAdso :Di hd-dvd promettono di essere anche compatibili con gli odierni lettori dvd, contro la enorme differenza di capienza dei blue-ray.cè da dire che un masterizzatore blue-ray ti costa 800€ in questo momento, contro i 1.200.000lire dei primi masterizzatori cd a 2x…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *